fbpx

10 Sintomi della disidratazione

4 Minuti Lettura

Le temperature si alzano, l’aria diventa irrespirabile e si comincia a sudare. In parole povere: si perdono liquidi e il rischio disidratazione è dietro l’angolo. Attenzione, però: questo pericolo non riguarda i più fragili, ovvero anziani e bambini, ma anche i più sani come gli atleti. Ma come fare a capire che è in atto questo processo così pericoloso? Beh, in questa breve guida, ti mostro come riconoscere i sintomi della disidratazione per evitare spiacevoli conseguenze.

Hai la gola secca

La secchezza della gola e della bocca sono un segnale inequivocabile di disidratazione. L’errore più comune è quello che basti un paio di bicchieri d’acqua per sistemare il tutto. In realtà non è così. Anche perché quando si ha sete si tende a farlo in maniera rapida. E questo è già di per sé un grosso errore. Peggio ancora se lo fai con bevande ghiacciate, soprattutto in estate. La soluzione ideale è quella di non sentire mai sete. Quindi, bevi tanto, spesso e con regolarità.

Ti senti debole

Le gambe non ti reggono, fai fatica anche ad alzarti dalla sedia. Quando sei disidratato anche le cose più elementari diventano complicate. Se pensi che basti una barretta energetica per risolvere il problema, ti sbagli. Prendi un po’ d’acqua o un bel succo di frutta, oppure una arancia fresca. Vedrai che comincerai a riacquistare le forze subito.

La debolezza è uno dei sintomi della disidratazione

Hai le palpitazioni

Meglio non scherzare. Se si tratta di un disturbo cronico, il consiglio è quello di farsi visitare da un bravo cardiologo. Se invece sono comparse all’improvviso devi capire se sono accompagnate dagli altri sintomi della disidratazione. Sì, è così? Allora siediti e sorseggia un bel bicchiere d’acqua per ritrovare la calma ed evitare gli attacchi di panico e ansia.

Hai mal di testa

Ecco, anche l’emicrania può essere connessa ai sintomi di disidratazione. L’acqua per il cervello umano è come il carburante per una auto. Se mancano le riserve idriche, questo organo così delicato non riesce ad essere lucido. Inoltre, in alcuni casi possono subentrare nausea, vertigini e anche dolori alle tempie. Siccome prevenire è sempre meglio che curare, ti consiglio di assumere 6-7 bicchieri d’acqua. Puoi accompagnarli anche con una tisana allo zenzero che è perfetta per questo scopo.

La sudorazione diminuisce

Non te l’aspettavi vero? L’aumento è una causa, la diminuzione è il sintomo della disidratazione. Se manca acqua al corpo, l’organismo non è in grado di attingere a riserve ulteriori per abbassare la temperatura. Per questo motivo è importantissimo bere sempre prima, durante e dopo una corsa, nelle giornate più torride così come in presenza di sintomi febbrili.

Hai la pelle secca

Se sei in stato di disidratazione, anche la pelle soffrirà. É impensabile risolvere tutto con delle creme idratanti. Se bevi acqua con regolarità e spesso, l’epidermide risulterà più elastica, luminosa e ovviamente giovane. Vuoi sapere come sta adesso la tua pelle? Fai questo test: tirala con due dita. Se torna subito indietro, vuol dire che le riserve idriche ci sono e funzionano. Se invece scivola lentamente e manifesta dei segni, allora è in atto un processo di disidratazione.

Pelle secca e poco elastica: anche l’epidermide soffre la disidratazione

Hai l’alito cattivo

Eh no, non basta lavarsi i denti e spesso. E nemmeno utilizzare il collutorio tutti i giorni. L’alito cattivo è uno dei sintomi più evidenti della disidratazione. Se non c’è acqua, non c’è nemmeno la saliva che è utilissima per ostacolare la formazione di batteri. Quindi, bevi tanto e con regolarità per avere un alito fresco.

La tua urina è scura e scarsa

Non avverti la necessità di andare in bagno? L’urina presenta un colore troppo scuro? Escono solo poche gocce? Ecco altri sintomi della disidratazione in assenza di patologie. Bere diventa, quindi, essenziale per produrre urina più abbondante e dal colore più chiaro. Si tratta di una cosa importante, perché l’urina purifica il corpo con l’espulsione degli elementi di scarto.

Hai la stitichezza

Anche la stipsi può essere un sintomo della disidratazione. Per risolvere questo problema è opportuno adottare una alimentazione corretta che include anche una buona quantità di litri di acqua. Quest’ultima ammorbidisce le feci e favorisce l’evacuazione anche quando può risultare difficoltosa. Se soffri di stitichezza dovresti cominciare a bere acqua anche a colazione. Lo sapevi che bastava così poco per migliorare la tua qualità di vita?

Hai crampi muscolari o hai avuto una cattiva digestione

Che tu faccia attività fisica o meno, devi sapere che i muscoli dell’apparato tendono a contrarsi soprattutto quando l’organismo è disidratato. Se sei un tipo sportivo, allora prima della corsa mattutina dovresti bere una soluzione che mescola acqua e sali minerali. Se non lo sei, basta aggiungere tanta acqua e frutta alla tua dieta.

Mangiare tanto, male e senza bere acqua. Ecco uno degli errori più diffusi che danneggia tanto la mente quanto il corpo. Come ho scritto già in passato ” Dopo un’abbuffata, ad esempio, non abbiamo voglia e forza di fare niente nè a livello fisico nè mentale perché tutte le energie del corpo sono concentrate a digerire il pasto e le cattive combinazioni alimentari. Se aggiungiamo la scarsità di acqua, sembrerà di aver fatto lo sforzo più grande della nostra vita. Per rimediare sarà sufficiente bere 1-2 bicchieri d’acqua (o una tisana), mezz’ora prima dei pasti, qualche sorso durante i pasti (se ne sentiamo l’esigenza) e due bicchieri dopo una o due ore, per assicurarci una buona digestione”.

La cattiva digestione si combatte (anche) bevendo

Altro da esplorare:

alimentazione incontrollata
Nutrizione
Dott.ssa Masillo Laura

L’alimentazione incontrollata e la psiche

CONDIVIDI Tutti possono avere discrete conoscenze sull’educazione alimentare. Fin dai banchi delle scuole elementari si insegnano alcuni concetti come il fabbisogno giornaliero di calorie, il

agnosia cosa è
Neuropsicologia
Dott.ssa Bigozzi Francesca

Che cos’è l’agnosia

CONDIVIDI Mangiare un pezzo di arancia e avere la sensazione di aver mangiato un pezzo di cioccolata. Possibile? Purtroppo sì, quando si parla di agnosia,